Casinò LeoVegas

Intervista al Direttore Giuseppe Geria, responsabile settore giovanile della Pescara Calcio.

Direttore come procede il programma del settore giovanile?
Il programma procede come preventivato, normale che ci siano stati rallentamenti o correzioni in corsa, ma ci riteniamo soddisfatti del come stia crescendo il nostro vivaio.
Basta guardarsi indietro per notare i tanti cambiamenti avvenuti o le migliorie apportate nel Centro Sportivo o nel Convitto #Biancazzurro, con spazi e sale condivise dai ragazzi ospiti e da tutti i dipendenti. Sui campi di allenamento abbiamo installato un sistema di registrazione per le gare, che ci consente di soffermarci su quanto espresso da noi adulti e dai ragazzi e che facilita l’osservazione e la conseguente correzione di tutto quanto si propone e si verifica nel rettangolo di gioco. 

Che sviluppi permettono questi strumenti? 
Con questo nuovo sistema possiamo vedere online tutti gli allenamenti, registrarli, effettuare i cosiddetti “tagli” o clip individuali, poi visionarli all’interno del nostro comparto tecnico così da fornire elementi “visivi” ai ragazzi, generando auto consapevolezza sulle loro performances.  Logicamente è di aiuto anche nel migliorare le proposte sul campo, per la crescita dei nostri staff, grazie alla visione a posteriori di quanto proposto sul campo per aumentare o correggere quanto proposto.

Altre Iniziative in programma? 
Ci confrontiamo tutte le settimane con i nostri Staff, rapportandoci su tutto cio’ che ruota intorno ai ragazzi, veri protagonisti delle nostre attenzioni.  Dagli staff tecnici a quelli sanitari, altro importante tassello quest’ultimo con un nuovo assetto medico dedicato esclusivamente al settore giovanile. Ovviamente c’è anche il confronto con dirigenti e accompagnatori per migliorare sempre il nostro lavoro.

Tante persone mosse dalla passione #BiancAzzurra
Personalmente apprezzo molto la disponibilità e la pazienza dei nostri collaboratori. L’impegno che mettono per confrontarsi e migliorare sempre le problematiche che si presentano è una marcia in più per il Delfino.  Sono convinto che il lavoro di squadra possa risolvere meglio che un singolo e al nostro interno vedo questa propensione.

Parliamo di Cuccioli&Campioni, una trasmissione prodotta dalla Pescara Calcio in collaborazione con rete8 sport e che forse è unica nel suo genere nel panorama Nazionale.
Si interessante iniziativa che sta generando numerosi consensi, fortemente voluta dal Presidente Daniele Sebastiani,  per dare parola ai nostri giovani tesserati e far conoscere all’appassionato #BiancAzzurro altri aspetti legati al mondo della Pescara Calcio. Non dimentichiamo inoltre altre produzioni, come la proposta settimanale di partite LIVE STREAMING che stanno raggiungendo ottimi risultati con partite Under 15,16,17 e Primavera.

Anche il calcio femminile nel panorama Pescara Calcio

A seguito delle richieste della FIGC, abbiamo istituito la prima scuola calcio femminile della Pescara calcio, la stessa iniziativa inizia ad avere adesioni e consensi importanti e che fanno piacere all’intero movimento. Inoltre, ormai divenuto un punto fermo dei colori #BiancAzzurri l’iniziativa “Accademia del Portiere”, curata da tutto lo staff del settore giovanile e della scuola calcio, che punta a migliorare il ruolo del portiere e a potenziare la proposta “Camp Estivi” , altra iniziativa che coinvolge tutti i nostri staff tecnici. 

Camp estivi, One to One,  Affiliazioni; un lavoro importante sul territorio
L’iniziativa di sedute di allenamento mirate al miglioramento dei gesti tecnici “One to One”  ha come obiettivo la partecipazione dei ragazzi in sinergia con le nostre tante affiliate. Mira ad allargare le collaborazioni il rapporto con altre scuole calcio e raggiungere una base importante sul territorio.  Sotto questo profilo anche l’istituzione delle figure “Tutor”, sia al convitto che scolastico, hanno generato consensi favorevoli da parte dei genitori che ci affidano en più volentieri i loro figli e con maggiore tranquillità.  

Le squadre #Biancazzurre rispondono alle aspettative? 

Ad inizio stagione ci siamo prefissi degli obiettivi, che non sono sicuramente rivolti al risultato numerico, bensì ad un percorso di formazione sia dei giovani che dei vari staff tecnici. Ci sono stati molti nuovi inserimenti, molti giovani giocatori e tante figure tecniche, di conseguenza, crediamo che occorra un periodo di adattamento per comprendere l’ambiente e il contesto. La nostra scelta giovani è rivolta più a giocatori forse “immaturi” fisicamente ma che mostrano più potenzialità ed abilità tecnica. In questo panorama calcistico, che punta al risultato, sappiamo che si deve pagare lo scotto di queste scelte, ma allo stesso tempo siamo ben felici di sapere che molti dei nostri giocatori sono sotto osservazione da parte di club “prestigiosi” e che intravedono in loro queste potenzialità e che ci auguriamo vengano fuori anche grazie del nostro processo formativo. Tra le tante curiosità ricordo che abbiamo istituito anche un programma per i giocatori ad personam; al sabato mattina infatti molti di loro si ritrovano in sedute dedicate e volte al miglioramento di aspetti fondamentali sia tecnici che per la crescita formativa dei giovani calciatori.

Che futuro si prevede per questa società? 

Gli addetti ai lavori dicono che Pescara ha una sua precisa connotazione nel panorama calcistico Nazionale. Personalmente ritengo che sia una fortuna avere un Presidente lungimirante come Daniele Sebastiani, che ci sprona quotidianamente nel nostro lavoro, impegno che noi dobbiamo alimentare per la base futura di questi colori, e non augurarci che arrivi il milionario o gruppo di turno che storicamente mira o punta ad un obiettivo e raggiunto quello abbandona. Occorre comprendere che Pescara è una comunità e che necessita di stringersi attorno al Club che la rappresenta. In Italia si travalicano i significati, ma se si comprendesse che uniti si diventa forti più di quanto lo si possa essere oggettivamente, allora si che si farebbe un bel salto di qualità intellettuale. Nel territorio ho conosciuto eccellenze in tanti settori , e credo che il nostro Club, possa essere veicolo pubblicitario importante e di espressione territoriale di tante realtà locali, dalla ditta di prodotti alimentari all’artigiano di qualità.

Si riferisce alla Cina? 

Anche, le nostre sortite in Cina o in Canada hanno più obiettivi, in primis far conoscere Pescara per allargare la base e la conoscenza del territorio, mostrare il nostro modus operandi e magari aiutare con le nostre esperienze altre realtà sportive,  in seconda battuta la nostra intenzione è  di fornire ai nostri dirigenti e tecnici un confronto socio culturale sportivo di altre realtà. 

Cosa ci si deve augurare per il settore giovanile? 

Innanzitutto che al Presidente e alla Dirigenza rimanga la passione e l’attaccamento per questo Club, significa molto avere la proprietà vicina che sprona a fare sempre meglio e a dare sempre più nel cercare di superare costantemente le difficoltà, poi che i progetti in embrione prendano forma, magari immaginando in uno stadio fruibile dalle famiglie, dove trovare tanti servizi, tante attività e fortificare il valore di appartenenza. Sappiamo che per iniziare ad intravedere dei miglioramenti occorrono anni di “semina” , pertanto ci auguriamo tutti quella continuità che possa dare seguito al programma intrapreso e in atto già da anni e che cerchiamo di perfezionare.

A proposito di Stadio? 

Lo stadio deve essere luogo di raccolta per una comunità e deve contribuire alla crescita del territorio; un punto dove tutte le realtà sportive si riconoscano e convogliano le proprie risorse per dare lustro ad una città come Pescara. Uno stadio pieno di gente entusiasta e che incoraggia o supporta la propria squadra alimenta la voglia da parte dei giovani di poterne far parte, invoglia i grandi club a guardare verso una realtà che oltre alla parte sportiva da notevole importanza ai valori che spesso vengono dimenticati e che sinceramente  vedo nei nostri gruppi di lavoro in maniera importante e condivisa. Il mio sogno è di assistere a partite del settore giovanile con genitori protagonisti in positivo, evitando la competizione proprio tra loro e provvedano magari all’accoglienza degli avversari o mantenere l’ordine in tribuna. Sentirsi partecipi della crescita della società e della formazione dei propri figli indipendentemente dai minuti che giocano in campo o della loro riuscita nel calcio. A mio avviso dobbiamo avere tutti programmi ambiziosi, che antepongano la formazione della persona e dell’atleta insieme, per poi poter competere e avere i mezzi per confrontarsi ai massimi livelli nel calcio o fuori da esso.

Quindi ancora tanti gli obiettivi da raggiungere? 

Questo club mira a formare i giovani e gli adulti intesi come tecnici o dirigenti, e per volere del nostro Presidente, si punta soprattutto a coinvolgere il maggior numero di realtà calcistiche del territorio. A tal proposito, abbiamo in programma degli incontri con società e scuole calcio del territorio, oltre alle nostre affiliate, per condividere un percorso di crescita insieme. Non ci poniamo su un piedistallo, ma vogliamo far comprendere che uniti si può creare un modello, uno stile, che ci contraddistingua conoscendo bene limiti e possibilità. Diventare espressione sportiva di un territorio credo sia un obiettivo ambizioso,  allo stesso tempo gratificante e stimolante.  Proviamo immenso piacere nel sentire le parole di un nostro giocatore nelle interviste che ogni settimana pubblichiamo sul nostro sito che dichiara ” il mio sogno è giocare con la maglia del Pescara all’Adriatico”. 

Avete creato un cartello con uno slogan che sintetizza il pensiero #BiancAzzurro

Si è vero ed utilizza come acronimo il nome della città di Pescara che ci rappresenta.  Mi fa piacere che si chiuda l’intervista con questa immagine e ringrazio innanzitutto la società e tutti coloro che in qualsiasi maniera ci aiutano quotidianamente per la riuscita del programma.

  • Passione
  • Estro
  • Sacrificio
  • Caparbietà
  • Armonia
  • Rispetto
  • Appartenenza