In una serata fredda e senza troppe emozioni il Pescara abbandona la Coppa Italia subendo uno 0 a 3 da un Atalanta che corona sempre più questo suo momento di entusiasmo e vivacità.

Entrambe le formazioni scendono in campo rimaneggiate e con pensieri rivolti ai prossimi impegni di campionato, ma sin dalle prime battute si nota immediatamente la maggior voglia dei nerazzurri, al contrario dei biancazzurri apparsi sin da subito confusi e poco aggressivi, tanto da subire la prima rete in poco meno di 7 minuti di gioco grazie al tap-in ravvicinato di Raimondi e il raddoppio di Grassi su assist di Pesic al 29′. Il secondo tempo sembra più un allenamento, anche questo vinto dall’Atalanta che sigla il 3 a 0 proprio sul fischio finale e che fa scaturire l’ira di mister Oddo.

“Mi aspettavo molto di più dai ragazzi scesi in campo questa sera, sono queste le opportunità per dimostrare sul campo di voler far parte del gruppo, di lottare, di crederci. Non va bene così è una questione di rispetto, sia per se stessi sia per i compagni rimasti a casa, oltre e soprattutto per i tifosi arrivati fin qui anche questa sera”

A far eco a mister Massimo Oddo è il capitano Ledian Memushaj “Si ha ragione il Mister non siamo scesi in campo con l’atteggiamento giusto, così non andiamo da nessuna parte”

Un Atteggiamento assolutamente da rivedere e invertire nei prossimi impegni di campionato, a partire dalla prossima gara interna contro il Cagliari in programma Domenica alle ore 15:00 presso lo Stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia”.

delfinette